Informazioni sul progetto IDEA

"Migliorare l'occupabilità attraverso l'educazione all'economia circolare per gli adulti" è un partenariato di cooperazione di 24 mesi per promuovere l'economia circolare e l'artigianato in plastica tra gli adulti disoccupati. Poiché l'Unione Europea sta attraversando un processo di rinnovamento verde, con l'obiettivo di diventare neutrale dal punto di vista climatico entro il 2050, molti settori saranno interessati e l'economia circolare diventerà sempre più importante nella vita quotidiana delle persone. 

Secondo un rapporto di primaria importanza pubblicato dall'OCSE nel 2020 intitolato "Conseguenze del mercato del lavoro di una transizione verso un'economia circolare: un documento di revisione", l'impatto dell'economia circolare e dell'efficienza delle risorse è ancora un nuovo campo di ricerca e deve essere ulteriormente approfondito. Si prevede che il passaggio dell'UE a un'economia efficiente sotto il profilo delle risorse, circolare, digitalizzata e climaticamente neutra creerà nuovi posti di lavoro, mentre altri posti di lavoro cambieranno o addirittura scompariranno. 

Per questi motivi, chiede azioni che sostengano le transizioni gemelle e che garantiscano che le persone abbiano le giuste competenze per il lavoro.

Gli obiettivi del progetto sono duplici. In primo luogo, mira a innescare un cambiamento di abitudini riguardo a temi di economia circolare come la gestione dei rifiuti tra il gruppo target (adulti disoccupati sopra i 50 anni). In questo contesto, è necessaria una maggiore promozione degli impatti sociali positivi che l'Economia Circolare (CE) può avere sugli Adulti a rischio di esclusione e sulle donne in particolare. 

Infatti, l'EC può favorire non solo l'occupabilità ma anche l'inclusione sociale promuovendo un maggiore senso di giustizia sociale ed equità sociale nel quadro più significativo dello sviluppo sostenibile, soddisfacendo i bisogni delle generazioni presenti e future (Padilla-Rivera, 2020).

Per raggiungere il suo scopo principale, il progetto ha identificato i seguenti obiettivi specifici:

Creare percorsi di riqualificazione per le donne a rischio di esclusione (45+) e/o che non hanno completato gli studi, e aumentare la loro partecipazione a nuove opportunità di formazione per adulti nel campo dell'economia circolare e della sostenibilità.

Fornire a educatori e formatori per adulti abilità, competenze e strumenti per coinvolgere le donne a rischio di esclusione (45+) e/o che non hanno completato gli studi.